Perché (non) sei diversa e le tue caratteristiche individuali NON sono un ostacolo per migliorare la TUA forma fisica.

Pensi di avere una genetica particolare?

Un metabolismo diverso?

Un tipo di fisico tutto tuo?

Se così fosse, ho una buona notizia:

le tue caratteristiche individuali NON sono un ostacolo per poter migliorare la tua forma fisica!

Sono pienamente consapevole che le persone amano sentirsi uniche: come avere una genetica e un tipo di fisico particolare, un metabolismo diverso ecc.

E per questo cercano le soluzioni uniche, personalizzate, le soluzioni che siano fatte solo per loro.

Infatti, gli esperti di marketing lo sanno benissimo e se ne approfittano di brutto!

Se vuoi migliorare la tua forma fisica è necessario che tu sappia che la verità sul dimagrimento è un po’ più cruda di così.

Per quanto impensabile possa sembrarti, il dimagrimento ha molto POCO a che fare con le caratteristiche personali: età, tipo di fisico, altezza, genetica ecc.

(sempre se si tratta di persone in salute, senza patologie e malattie croniche e che non fanno uso di farmaci)

Il dimagrimento ha PARECCHIO a che vedere con il processo: dipende non da come sei ma da cosa fai (o non fai).

Sia chiaro, non sto svalutando la tua unicità come l’essere umano, ci mancherebbe, essa rimane fondamentale.

Tuttavia è il processo che conta, e quanto tu riesci a seguirlo.

A meno che il tuo obiettivo non sia quello di diventare un’atleta o modella.

In questi casi, sì, la tua genetica e le tue condizioni fisiche particolari saranno molto importanti perché dovresti rientrare in canoni ben stabiliti, avere certe misure e proporzioni corporee o una certa performance sportiva richieste per queste attività.

Ma se sei una donna in salute e non miri a diventare una sportiva/modella professionista allora

-non importa quale sia il tuo somatotipo (ectomorfo, mesomorfo, endomorfo);
-non importa quale sia il tuo tipo di fisico (mela o pera);

-non importa com’è sfortunata o fortunata la tua genetica;
-non importa come sia lento o veloce il tuo metabolismo.

Incredibilmente nei libri universitari di alimentazione e nutrizione la parola metabolismo lento non esiste. Ed infatti se andiamo a vedere la letteratura scientifica, quando si misura il metabolismo basale dei soggetti in sovrappeso, che dichiarano d’avere il metabolismo lento, scopriamo che ce l’hanno assolutamente normale. Questa percezione d’avere un metabolismo rallentato è nel 99% dei casi psicologica e non fisiologica. Le persone non si rendono conto di quello che mangiano, dimenticano sia cosa assumono sia quanto assumono. Magari fanno attenzione a prediligere alimenti sani (giustamente), ma poi si lasciano andare con le porzioni (sbagliando).  Al contrario, chi magari mangia di tutto, si trattiene con le quantità (il famoso detto: poco di tutto).

È il bilancio calorico a fine settimana a decretare se dimagriremo e purtroppo, le calorie non guardano alla qualità degli alimenti (la nostra salute si invece). Infine chi mangia poco di tutto, generalmente è una persona attiva, che consuma la porzione di dolce che mangia (sono le piccole abitudini che ci rendono magri).

Insomma la prima cosa che devi portarti a casa da questo articolo, è che puoi essere diversa quanto vuoi ma per migliorare la tua forma fisica esiste un processo che conta e da quello non si scappa nessuno !

Ad esempio, per poter dimagrire esiste un bilancio calorico e devi rispettarlo indipendentemente dalle tue caratteristiche individuali.

Lo stesso discorso vale se vuoi aumentare la massa muscolare oppure aumentare/migliorare la “tonicità” (che non esiste, esattamente come metabolismo lento, ma è molto ricercata dalle donne) esiste un processo che conta e devi seguirlo.

Qualsiasi genetica e forma fisica tu abbia anche tu puoi (se vuoi e fai le cose giuste nel modo giusto) avere i risultati che la maggior parte delle donne vuole ottenere dalla attività fisica:

e anche

E la notizia ancora migliore è che puoi ottenere tutti questi risultati con un solo metodo di allenamento: l’allenamento di tipo muscolare (in particolare quello con i pesi).

Com’è possibile che siamo tutte diverse ma se ci alleniamo nello stesso modo possiamo ottenere gli stessi risultati?

E’ possibile perché non siamo poi così diverse come pensiamo….

Lo sapevi che più del 90% del genoma umano è uguale in tutti gli individui?

Se fossimo molto diversi non esisterebbe, per esempio, la farmacologia.

Invece quando abbiamo mal di testa andiamo a comprare lo stesso farmaco (lo stesso principio attivo, il nome del farmaco può essere diverso).

La verità è che i principi dell’allenamento muscolare sono identici per tutti.

Perché la biologia del sistema muscolare di un essere umano è esattamente la stessa in tutti gli individui.

Le caratteristiche della struttura muscolare sono analoghe per tutti quanti: i muscoli di tutte le persone sono fatti nello stesso modo e hanno le stesse funzioni.

Quando si fanno gli allenamenti con sovraccarichi il corpo di ognuno di noi risponde in diversi modi.

Queste “risposte” si chiamano gli adattamenti all’allenamento e sono rappresentati dai cambiamenti che avvengono nel corpo durante e dopo l’esercizio (sia subito dopo l’allenamento sia a medio-lungo termine nel caso di allenamenti regolari).

Diversi fattori influenzano questi adattamenti tra i principali sono: il sesso, l’età e i caratteri genetici.

Attenzione però:

le caratteristiche individuali influenzano solo la velocità e l’ampiezza degli adattamenti che si verificano nel corpo a medio-lungo termine. Ma non la natura stessa degli adattamenti.

Questo significa che:

COSA cambia è uguale per tutte quante le persone, ma in che misura e quanto veloce avvengono questi cambiamenti dipende dalle caratteristiche individuali di ogni singola persona: dalle caratteristiche come il sesso, l’età, i caratteri genetici e molti altri.

Significa che: se io e te andiamo a fare lo stesso esercizio con la stessa tecnica, avremo gli stessi adattamenti del corpo (come risposta all’esercizio).

Solo che NON avremo lo stesso fisico esteticamente parlando.

La forma che possono prendere i muscoli è determinata dalla genetica.

Se non hai una genetica come per esempio le donne sudamericane, non avrai mail un lato B come quello di Jennifer Lopez.

Ma qualsiasi genetica tu abbia puoi sicuramente avere i tuoi glutei in forma, alti e sodi.

La forma del corpo (mela o pera) è determinata dalla genetica.

Esattamente come il colore degli occhi o quello dei capelli: non dipende in nessun modo dalla tua alimentazione o dal fatto che tu sia più o meno sedentaria o sportiva.

La forma del corpo si chiama, in termini scientifici, habitus (dal latino). La scienza riconosce due tipi di habitus : quello androide, tipico degli uomini e delle donne nordeuropee, in cui il grasso corporeo è concentrato nella parte alta del corpo: addome, seno, braccia. Quello ginoide, tipico invece delle donne mediterranee, che vede l’adiposità concentrarsi su fianchi, cosce, glutei (hai presente il 90% delle donne italiane?).

Se hai una forma a pera, puoi correre tutte le mattine e alimentarti in maniera super sana e pulita, ma le tue cosce saranno sempre il luogo dove l’organismo immagazzinerà volentieri le riserve energetiche e, anche dimagrendo, rimarranno comunque un po’ più “corpose” del tuo punto vita.

Il contrario avverrà per le androidi (forma a mela), che non avranno mai un vitino da vespa se non strizzandosi dentro antiestetiche guaine schiacciapancia.

Per stabilire con scientifica precisione a quale frutto assomigli devi dividere la misura della vita (in centimetri) per la misura dei fianchi (sempre in centimetri). La vita va misurata esattamente all’altezza dell’ombelico, i fianchi invece all’altezza delle anche.

Se il risultato di questa divisione è un numero inferiore a 0,85 sei una pera (ginoide). Se il risultato è maggiore a 0,85 sei una mela (androide).

Ovviamente puoi essere una mela o una pera più o meno marcata e, come puoi immaginare, esistono anche figure armoniose in cui il rapporto vita/ fianchi è molto vicino a 0,85.

L’importanza di conoscere la forma del corpo non riguarda solo la scelta dei vestiti più adatti ma serve anche per affrontare con coraggio e consapevolezza la verità del grasso corporeo.

Conoscendo che non sei responsabile della forma del tuo corpo puoi facilmente tutelarti dai miracoli che ti promettono là fuori.

Non esistono diete miracolose per perdere peso sull’addome o sulle cosce, esattamente come non esistono esercizi di fitness che bruciano il grasso in modo localizzato.

Quando il corpo ha bisogno di bruciare grasso perché ha finito gli zuccheri (il corpo preferisce sempre bruciare gli zuccheri), va a prendere il grasso dove gli è più comodo, perché il corpo è furbo e lavora in regime di risparmio energetico. Qual è la zona più comoda da cui prelevare il grasso? Il seno. Mi spiace ma purtroppo è così.

Il seno è la zona meglio vascolarizzata, lì sotto, infatti, c’è la nostra superpompa, il cuore.

Come puoi capire anche da sola che una zona è ben irrorata dal sangue?

Verificando la sua temperatura: se una zona è calda vuol dire che il sangue ci scorre bene, al contrario, se è fredda, significa che non è ben irrorata (hai presente i piedi e le mani perennemente gelidi? Non a caso stanno alle estremità del corpo che sono poco irrorate).

Quindi, per mobilitare il grasso che sta in una zona scarsamente irrorata dal sangue (prova a toccarti le cosce: sorpresa! Sono decisamente più fredde del tuo seno), bisogna stimolarne la microcircolazione con vari metodi.

Bene, e qual è un modo incredibilmente efficace per stimolare la circolazione sanguigna, linfatica ed anche il drenaggio? Yuppie, è l’allenamento muscolare !

Ecco un altro motivo per cui dovresti allenarti !

Se si tratta di una donna di tipo ginoide (pera) inizialmente fuori forma, con problemi del microcircolo, della ritenzione idrica e dell’infiammazione il programma di allenamento in questo caso deve essere strutturato in modo tale da favorire il drenaggio, ridistribuzione del flusso ematico e migliorare la vascolarizzazione che porti alla diminuzione dell’infiammazione generale.

In particolare queste donne devono allenarsi in modo tale da produrre meno acido lattico possibile. 

A differenza dei dolori muscolari dopo 24-48 ore dall’allenamento (DOMS), l’indolenzimento (generalmente sotto forma di bruciore), che si presenta nel corso o subito dopo l’allenamento, succede a causa dell’accumulo di acido lattico, tipica conseguenza degli sforzi dell’attività fisica muscolare di resistenza (quando il lavoro muscolare viene svolto per un periodo di tempo prolungato senza recupero).

Si tratta di un fenomeno la cui durata è relativamente breve (lo smaltimento dell’acido lattico avviene nel giro di un’ora dal termine dell’attività fisica). Contrariamente a quanto si pensava in passato è stato inequivocabilmente dimostrato che l’accumulo di acido lattico NON genera un indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata (DOMS), ma ciononostante tale credenza è ancora molto diffusa negli ambienti sportivi e non.

L’acido lattico quindi è un’altra cosa ed ha poco a che vedere con i dolori muscolari ritardati (e con il gonfiore muscolare da principiante).

L’eccessivo accumulo di acido lattico PEGGIORA l’infiammazione e il gonfiore già presenti.

Pesi medio-bassi, tante ripetizioni e poco recupero con sessioni di allenamento lunghe (tanto volume di lavoro), il CLASSICO programma di allenamento per le donne per intenderci….porta all’accumulo maggiore di acido lattico e quindi peggiora l’infiammazione ed il gonfiore già in essere.

A chi non soffre di gonfiore, non ha cellulite, non ha infiammazione e problemi di microcircolo, un’accumulo maggiore di acido lattico probabilmente non causerà nessun problema.

Ma chi invece ha le condizioni descritte sopra deve EVITARE la produzione eccessiva di acido lattico durante allenamento.

Come? Facendo il contrario del programma classico per le donne descritto sopra: bisogna lavorare per la forza muscolare e non la resistenza (non per ottenere il bruciore), usare pesi pesanti, poche ripetizioni con recuperi ampi.

Anche la forza muscolare che può sviluppare ogni persona è determinata dalla genetica.

Le persone con la stessa quantità di muscolo di partenza possono avere una differenza nella forza muscolare fino al 25%.

E siccome la forza è la chiave per la crescita muscolare al naturale, chi geneticamente predisposto a essere più forte, potrà ottenere più crescita muscolare.

La forza dipende anche dall’altezza.
Chi non è alto è capace di sviluppare una forza maggiore e, quindi, riesce ad essere più muscoloso.

Ecco perché i tipici palestrati troppo muscolosi sono di solito di statura bassa.

Ecco perché il ectomorfo, il tipo di fisico di statura alta, ha difficoltà maggiori rispetto ad altri  somatotipi di aumentare la massa muscolare.

Troverai tantissimi consigli sull’allenamento di modelle/sportive famose e come fare ad avere il loro fisico.

Ma se non hai la stessa genetica, pur facendo esattamente tutto quello che fanno loro per lo stesso tempo che lo hanno fatto loro, non otterrai gli stessi risultati in termini di estetica.

Non perdere tempo e fatica a imitare le modelle di Instagram, che non hanno ottenuto il fisico che hanno con gli esercizi coreografici che mostrano e che molto probabilmente sono geneticamente molto fortunate ed avevano un fisico superiore al 90% delle donne anche prima di iniziare ad allenarsi e che usano il loro corpo per fare pubblicità a prodotti di dubbia efficacia.

Fortunatamente tornare (e essere) in forma NON richiede di spendere una fortuna in creme, integratori, dispositivi di fantasia, abbigliamento particolare ecc.

Tu puoi sempre ottenere solo la TUA forma fisica migliore di sempre: puoi dimagrire bene, perdere grasso, avere i muscoli più tonici, aumentare i muscoli nei posti che ti interessano, ottenere una buona definizione muscolare ecc (dipende qual’è il TUO obiettivo).

Indipendentemente dalle caratteristiche individuali, l’allenamento muscolare fatto nel modo giusto avrà effetti migliorativi su tutte le persone.

Con l’allenamento muscolare (e sopratutto quello con i pesi) TUTTE LE DONNE possono ottenere gli stessi miglioramenti e cambiamenti del fisico come: perdere peso, dimagrire bene (perdere grasso, non muscolo), perdere grasso in alcune parti del corpo, tonificare, rassodare, definire, eliminare (o migliorare notevolmente) la cellulite e, volendo, anche mettere su muscoli.

 

Invece come realmente apparirà il corpo dipenderà dalle caratteristiche individuali di ogni singola persona.

Insomma, la genetica può esserci o meno.

Ma il metodo giusto funziona sempre.

Puoi non essere portata per certe cose, ma stai sicura che se segui il metodo giusto – magari lentamente – ottieni i risultati sperati.

Importante è fare le cose giuste e quando le fai, un risultato positivo arriva SEMPRE.

Una genetica fortunata le rende più semplici, ma non è la condizione.

Può darsi che tu sia molto fortunata geneticamente e che tu sia ben fatta senza dover sollevare pesi.

Se invece non hai una genetica fortunata ora hai un’altra fortuna: adesso sai che puoi intervenire e migliorare notevolmente il tuo fisico!

Quindi esistono due modi di avere il fisico che vuoi:
1) Con la genetica fortunata: il “metabolismo veloce”, il tipo di fisico più armonioso ecc.

Quando è facile insomma.

2) Con l’impegno sistematico.

Quando non hai le condizioni di partenza facili.

Quando le cose che fai non sono facili all’inizio, ma visto che le hai praticate TANTO ed in modo sistematico, dopo diventano facili.

Ovvio che essere nella prima condizione sembra la situazione migliore.

Ma molto spesso le persone SENZA genetica fortunata, ma che si impegnano… riescono ad ottenere risultati migliori.

Per il semplice motivo che fanno quello che la persona con la genetica fortunata non è disposta a fare: PRATICANO in maniera sistematica.

Se vuoi migliorare la tua forma fisica allenandoti con i pesi.

Se sei in salute, non hai malattie croniche, non hai limitazioni per svolgere attività fisiche con sovraccarichi e non fai uso di farmaci.

Se hai la possibilità di allenarti a casa o in palestra, almeno 2-3 volte a settimana.

Non importa quante gravidanze hai passato, quanto diverso sia il tuo tipo di fisico o quanto sia sfortunata la tua genetica.

E’ molto probabile che io possa aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di forma fisica.

Ti interessa?

Se sì, ti aspetto su QUESTA PAGINA

Niente più scuse!

Le tue caratteristiche individuali NON sono un ostacolo per poter migliorare la tua forma fisica!

Se vuoi migliorare la tua forma fisica in modo tale che nemmeno tua mamma ti riconoscerebbe ci vediamo su QUESTA PAGINA

Oppure ….

Fonti e rifermenti:

Metabolismo lento: esiste veramente?

Struttura e funzioni dei sistemi muscolare, nervoso e scheletrico, capitolo 1: Il manuale del Personal Trainer

Fattori che influenzano gli adattamenti all’allenamento con sovraccarichi, capitolo 5:  Il manuale del Personal Trainer

Guida cinica alla cellulite

Gambe troppo grosse e muscolose: non è come sembra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *